Cronaca pubblicato da Annunziata Picciotto
6 febbraio 2014
22:30

Chiara Insidioso: sono peggiorate le sue condizioni di salute

Le condizioni di Chiara Insidioso, in coma da lunedì, sono purtroppo peggiorate. La 19enne, è stata picchiata a sangue dal suo fidanzato. Parenti e amici, hanno organizzato per sabato sera una fiaccolata per lei.

chiara-insidiosoLe condizioni di salute di Chiara Insidioso, purtroppo, sono peggiorate. La ragazza di 19 anni, è entrata in coma dopo esser stata picchiata dal suo fidanzato lunedì scorso, quando giunse in ospedale priva di sensi in un lago di sangue. Il suo fidanzato, Maurizio Falcioni, 35 anni, ha invece aggredito la fidanzata a calci e pugni e durante la corsa in ospedale, ha ripetuto più volte alla povera Chiara Insidioso “Dillo che sei caduta, dillo che non ti ho picchiata”. Purtroppo, le possibilità che la ragazza esca dal coma sono poche e a comunicarlo è Aldo Morrone, direttore generale dell’ospedale San Camillo dove la giovane è ricoverata in prognosi riservata: «Le condizioni della paziente sono lievemente peggiorate – ha dichiarato il medico – Dalla Tac e dalla risonanza magnetica si evince che il processo di danneggiamento ha avuto una lieve diffusione. Il danno cerebrale ha compromesso l’intero emisfero sinistro e tutto il tronco encefalico».

Maria Cecilia Guerra, vice ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali con delega alle Pari Opportunità, ha fatto visita alla giovane Chiara Insidioso e ha commentato così il tragico episodio: «Quanto è accaduto è probabilmente l’esito drammatico di una serie di maltrattamenti cui Chiara non è riuscita a reagire. Dobbiamo insegnare ai ragazzi fin dalla scuola primaria che la relazione amorosa non è l’unico ambito di realizzazione personale, educarli all’autonomia e a preservare se stessi». E mentre gli amici e i parenti della 19enne hanno organizzato una “fiaccolata di preghiera e di protesta” per sabato sera a Casalbernocchi, il calciatore Mario Balotelli le ha dedicato un tweet dove si augura che la giovane possa miracolosamente risvegliarsi al più presto.